Attività sociale

L’attività sociale in numeri

Uno degli obiettivi di Progetto Sorriso nel Mondo è quello di riconoscere la dignità dei bambini e delle famiglie che usufruiscono dei servizi dell’Associazione. Per realizzarlo, sono stati sostenuti alcuni progetti di carattere sociale rivolti ai bambini.

  • È stato sostenuto il progetto “Una casa per i bambini di strada”, in collaborazione con la TUokai House di Khulna, Bangladesh.
  • È stato finanziato il progetto “Medicina itinerante”, in collaborazione con l’Associazione Khuda di Khulna, con l’obiettivo di fornire assistenza medica a 3000 bambini ogni anno, intervenendo direttamente nei villaggi più poveri e sperduti del Bangladesh.
  • E’ stata sostenuta la ristrutturazione dell’Ospedale di Mymensingh che, da piccolo Centro di Medicina Generale situato nel Nord del Paese, oggi si prospetta come una struttura adeguata all’esecuzione di interventi ad alta specializzazione, a chirurgie ricostruttive per malformazioni congenite e per esiti di ustione, a lunghe degenze, oltre un riferimento per la formazione di personale locale medico e paramedico. Come per gli altri blocchi operatori approntati dall’Associazione in Bangladesh, Congo e Guatemala, l’obiettivo è stato la realizzazione di una struttura sanitaria integrata con le risorse locali, reso possibile grazie all’installazione di attrezzature funzionanti con materiali di consumo reperibili in questi Paesi. Infatti, per quanto possibile, sono stati acquistati apparecchi anestesiologici e chirurgici in loco, orientando la scelta verso strumenti che potessero ricevere manutenzione da maestranze locali. Inoltre, è stato installato un impianto di illuminazione a basso consumo associato, dove possibile, ad impianti fotovoltaici. E’ stata posta attenzione anche alla scelta dell’utilizzo di materiali di consumo, per evitare il difficile smaltimento di rifiuti inquinanti e tossici, creando spazi adeguati per la gestione, lo stoccaggio e, in parte, lo smaltimento dei rifiuti.
  • E’ stata sostenuta la creazione di due asili in zone particolarmente disagiate del Bangladesh come Savar, un sobborgo di Dhaka, e come l’area in prossimità della stazione della capitale. In questi luoghi sovrappopolati, i bambini vivono abbandonati a se stessi, senza riferimenti e senza cure. Le strutture, pertanto, non sono solo luoghi di gioco e di ricreazione per i bambini altrimenti allo sbando durante il giorno, ma costituiscono veri e propri rifugi notturni, soprattutto per gli orfani. Inoltre, viene garantito almeno un pasto quotidiano completo di tutti i nutrienti e un servizio di medicina ambulatoriale.
  • In Italia, è stato organizzato il servizio di biblioteca “Libri in Corsia” presso l’Ospedale Sant’Anna di Como.
  • Sempre in Italia, è stata promossa la campagna informativa “L’acido folico: una vitamina per il Sorriso”, volta a incoraggiare l’assunzione di acido folico per prevenire malformazioni e malattie dei nascituri.